Università

Studenti fuori sede: come sopravvivere

7 novembre 2018

Se sei uno studente fuori sede stai leggendo l’articolo giusto.

Vivere per conto proprio ha molti lati positivi, sembra tutto un gioco, ma ci sono parecchie situazioni che all’inizio possono essere difficili da gestire. A parte il fatto che non ci sia la mamma ad aspettarti con il pranzo pronto e che la lavatrice voglia rovinarti tutti i vestiti, c’è anche l’aspetto economico da considerare. Non hai mai pagato una bolletta ma tra una festa e l’altra ti sei reso conto che stai spendendo più soldi del previsto? Niente paura, è normale, ecco alcuni consigli per gestire al meglio la tua vita da studente fuori sede.

Affitto: spese comprese

La questione degli affitti è delicata, si cerca sempre il prezzo più basso che a volte però non include le bollette di gas, luce e acqua, spazzatura, nonché le quote condominiali.
Quindi, prima di firmare un contratto, controlla che le spese siano incluse nel prezzo dell’affitto.

Considera che se le spese non sono comprese, dovrai aggiungere qualche numero al prezzo che hai trovato nell’annuncio, evita brutte sorprese e chiedi subito quanto in più andresti a spendere.
Fai le tue considerazioni, fortunatamente ci sono anche annunci dove le spese sono già incluse.

Pedala!

Moltissime città mettono a disposizione degli studenti un abbonamento ridotto per autobus, treni o metropolitana, sicuramente vantaggiosi. Il nostro consiglio resta sempre quello di preferire la cara vecchia bici, e usare i mezzi solo quando piove o fa troppo freddo. Con una bicicletta sei libero di fare gli orari che preferisci, puoi fare del sano movimento e sentirti un vero studente che sfreccia per le vie della città, evitando il traffico. Per i viaggi più lunghi, quelli di ritorno verso casa, ricordati di prenotare in anticipo, il calendario accademico dei giorni di pausa è sempre disponibile sui siti delle università. Non dimenticare le agevolazioni per studenti al momento della prenotazione dei biglietti!

Ricordati le tasse universitarie

La spesa maggiore per tutti gli iscritti sono le tasse universitarie, indipendentemente dal fatto che l’università sia pubblica o privata.  E’ importante ricordarsi di pagarle entro le date stabilite per non far scattare “la mora” e quindi spendere di più per il ritardo. Inoltre, è importante consegnare l’ISEE all’ateneo, per evitare di essere collocati automaticamente nella fascia contributiva più alta.

Inoltre, se hai i requisiti necessari, potrai fare richiesta per una borsa di studio, per avere esenzioni dalle tasse universitarie o sconti sulla cifra totale.

Condividi!

Dai libri di testo, alle fotocopie, agli appunti, agli abbonamenti, l’importante è condividere. Vorresti fare un abbonamento per le serie TV, per i siti di shopping online o per della buona musica? Non devi rinunciare alle tue passioni solo perché la spesa sembra alta, trova qualche amico o dei coinquilini che vogliono condividere con te la tua passione e ammortizza le spese dividendo il costo, più siete meglio è!

Carte fedeltà al supermercato

Ricordate le carte fedeltà dei vostri genitori? Perdite di tempo per voi, manie di chi invecchia pensavate, eppure vi facevano magicamente lo sconto sui vostri biscotti preferiti. Trovate un supermercato vicino a voi e fatevi una tessera per ricevere sconti e promozioni, anzi molti supermercati hanno offerte speciali per gli studenti. Lo sappiamo che sembra una cosa da vecchi ma funziona per risparmiare. Ricordati di usare i coupon per non rinunciare a piccoli sfizi o alle attività che ami.

Usato va bene

Spesso abbiamo dei pregiudizi sulle cose usate nonostante ci siano molti negozi di questo tipo che hanno oggetti e vestiti pronti per una seconda vita. L’idea dei prodotti dismessi come sporchi, rovinati e portatori di malattie mortali è un po’ superata. Se vuoi risparmiare dai un’occhiata alle bancarelle del mercato o nei negozi “vendo-scambio”, potresti rimanere sorpreso: il vintage non passa mai di moda. Non dimenticare i libri usati, sappiamo tutti quanto siano cari i volumi universitari appena stampati, potrai risparmiare fino al 50% sul prezzo pieno.

Bastano pochi semplici accorgimenti per risparmiare e vivere al meglio gli anni dell’università, anche se nulla è come tornare a casa, e ogni tanto serve proprio prendersi una pausa. Invece, per i problemi con la lavatrice, mettetevi l’anima in pace: tenterà sempre di mangiarvi i calzini.

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *