Questo sito utilizza cookie tecnici per le proprie funzionalità. Continuando a navigare o accedendo a un qualunque elemento del sito senza cambiare le impostazioni dei cookie, accetterai implicitamente di ricevere cookie dal nostro sito. Potrai ottenere maggiori informazioni cliccando su più "informazioni sui Cookie"

Università

Scopri le università italiane presenti nel QS World University Rankings by Subject 2019

27 febbraio 2019

Mercoledì, 27 Febbraio 2019: l’ultima edizione della classifica universitaria globale più consultata al mondo include 41 università italiane classifica in evidenza.

Il QS World University Rankings by Subject (Classifica Universitaria Mondiale per Facoltá/Disciplina) che verrà pubblicata mercoledì 27 febbraio dagli analisti di QS Quacquarelli Symonds, individua le università italiane classifica che eccellono in 48 discipline e 5 aree di studi/tematiche. L’area Scienze della Vita/Medicina vede la più grande rappresentanza universitaria Italiana. Fisica e Astronomia, Medicina ed Economia & Econometria sono le specifiche discipline in cui si classificano la maggior parte delle università in Italia.

 

FATTI SALIENTI

  • Le università italiane classifica che compaiono in 44 delle 48 discipline coperte dal ranking 2019 (92%).
  • L’Italia è al 4° posto in Europa (dopo Regno Unito, Germania, Francia) e al 7° posto nel mondo per numero totale di università incluse nella classifica 2019.
  • L’Italia è al 3° posto in Europa (dopo Regno Unito e Germania) e al 7° posto nel mondo per numero totale di posizioni occupate nella classifica 2019.
  • La Sapienza è l’unica università Italiana classificata prima al mondo in una disciplina, Studi Classici e Storia Antica.
  • Il Politecnico di Milano è l’unica università Italiana che si classifica tra le Top 10 in tre discipline.
  • L’ Università Bocconi è ottava al mondo per Business & Management, guadagnando due posizioni rispetto allo scorso anno. Sale di undici posizioni anche in Finanza, conquistando il 18° posto e mantiene il sedicesimo in Economia.
  • Il Politecnico di Torino entra per la prima volta nella classifica di Ingegneria Mineraria, posizionandosi al 24° posto. Altri debutti eccellenti: l’Università di Bologna in Odontoiatria (44° posto) e l’Università di Pisa in Scienze Bibliotecarie (50° posto).
  • La Sapienza, L’Università di Bologna (UNIBO) e Università degli Studi di Padova sono le università più rappresentate in classifica.
  • Le città italiane con più università classificate sono Milano (7), Roma (4) e Pisa (3).
  • 18 università Italiane hanno ottenuto il riconoscimento di essere classificate tra le prime 100

per 36 distinte discipline.

  • In totale, le università Italiane occupano 521 posizioni nella classifica. Rispetto alla scorsa edizione, 192 posizioni sono invariate, 166 sono migliorate, 85 sono peggiorate, e 78 sono new entry.
  • L’Italia ha incrementato la propria rappresentazione nelle bande Top 50, Top 100 e Top 200 posizioni rispetto al 2018

 

No 1 Top 10 Top 20 Top 50 Top 100 Top 200
2019 1 6 10 34 98 236
2018 1 6 10 29 83 213

 

Le migliori Università Italiane nelle cinque classifiche per Area di Studi

Area di Studi Università Classifica 2019 Classifica 2018
Arte e Studi Umanistici Università di Bologna (UNIBO) 54 59
Ingegneria e Tecnologia Politecnico di Milano 16 17
Scienze Naturali Sapienza – Università di Roma 57 50
Scienze della Vita e Medicina Università degli Studi di Milano 74 79
Scienze Sociali Università Commerciale Luigi Bocconi 16 11

Le migliori Università Italiane nelle classifiche per discipline

Disciplina Università Classifica 2019 Classifica 2018
Studi Classici & Storia Antica Sapienza – Università di Roma 1 1
Arte & Design Politecnico di Milano 6 5
Ingegneria Civile e Strutturale Politecnico di Milano 7 9
Ingegneria Meccanica e Aereonautica Politecnico di Milano 7 17
Business & Management Università Bocconi 8 10
Archeologia Sapienza – Università di Roma 11 9
Architettura Politecnico di Milano 11 9
Economia Università Bocconi 16 16
Finanza e Contabilità Università Bocconi 18 29
Ingegneria Elettrica & Elettronica Politecnico di Milano 23 35
Ingegneria Mineraria Politecnico di Torino 24 51-100
Farmacia e Farmacologia Università degli Studi di Milano 34 46
Fisica & Astronomia Sapienza – Università di Roma 34 39
Scienze Politiche e Affari Internazionali European University Institute 35 51-100
Anatomia e Fisiologia Università degli Studi di Padova (UNIPD) 36 27
Informatica Politecnico di Milano 37 44
Scienze Bibliotecarie Sapienza – Università di Roma 43 33
Ingegneria Chimica Politecnico di Milano 44 51-100
Odontoiatria Università di Bologna (UNIBO) 44
Sociologia European University Institute 45 51-100
Lingue Moderne Università di Bologna (UNIBO) 46 51-100
Scienze Agro Forestali Università di Bologna (UNIBO) 48 51-100
Scienze Veterinarie Università degli Studi di Milano 48 49

 

Ben Sowter, Responsabile Ricerca e Analisi di QS, ha commentato: “Questa edizione della classifica rivela una fotografia positiva per l’eccellenza accademica Italiana. Il trend è degno di nota, specialmente se consideriamo la feroce competitività globale. Per mantenere le stesse posizioni, le università devono continuamente migliorare l’impatto della propria ricerca, coltivare collaborazioni accademiche internazionali e conferire lauree e titoli post-lauream che siano spendibili nel mondo del lavoro e apprezzati dai recruiter internazionali.”
Sowter ha aggiunto: “Questo risultato incoraggiante, deve però tenere conto di una sfida: la fuga di cervelli. L’OCSE segnala come l’Italia sia tornata ai primi posti nel mondo per emigrati; per la precisione all’ ottavo. Si stima che un terzo siano giovani laureati. Sebbene L’Italia spenda quasi un punto percentuale in meno (4% del PIL) rispetto alla media Europea (4.9% del PIL) per l’istruzione, il paese investe mediamente 164 mila euro per formare un laureato e 228 mila euro per un dottore di ricerca, (dati OCSE). Di questo investimento, beneficiano sempre più altri paesi. Su 521 posizioni conquistate nella nostra classifica dalle vostre università, il punteggio ottenuto dal sondaggio dei recruiter internazionali è superiore a 75/100 in 105 casi. I laureati Italiani sono tenuti in alta considerazione dai recruiter internazionali e la loro propensione ad assumerli è elevata. Questo dimostra che la preparazione dei laureati italiani è competitiva. Il mio augurio è che il vostro paese preservi il ritorno sull’ investimento di risorse e talento, offrendo alle attuali e alle prossime generazioni di studenti le opportunità che meritano, affinché emigrare sia una scelta elettiva e non una necessità.”

 

FATTI SALIENTI:

Il   QS World University Rankings by Subject è la piú ampia ricerca di QS, che comprende:

  • L’opinione di oltre 83.000 accademici, che hanno contribuito con oltre 1,25 milioni di osservazioni al sondaggio accademico di QS (QS Global Acdemic Survey)
  • L’opinione di oltre 42.000 datori di lavoro, che hanno contribuito con 199.123 osservazioni sondaggio dei datori di lavoro di QS; (QS Global Employer Survey)
  • Dati di ricerca estesi ricavati dal database Scopus di Elsevier: 150 milioni di citazioni derivate da 22 milioni di articoli e pubblicazioni accademiche.

I dati raccolti sono stati utilizzati per valutare oltre 1.200 università in 78 Paesi, fornendo agli studenti, ai responsabili delle politiche governative, ai docenti e ai datori di lavoro, una visione unica della perfomance universitaria globali in specifiche discipline.  La metodologia è composta da quattro indicatori:

  1. Reputazione accademica: in quale considerazione una particolare università é tenuta dalla comunità accademica globale?
  2. Reputazione del datore di lavoro: quale considerazione hanno i datori di lavoro in tutto il mondo per i laureati di una particolare università?
  3. Citazioni per pubblicazione: quanto è, in media, citata la ricerca di una facoltà?
  4. Indice H: quanto è produttiva e di grande impatto la ricerca prodotta da una data facoltà?

Ulteriori dettagli su ciascun indicatore sono disponibili all’indirizzo http://www.iu.qs.com/university-rankings/ . Le classifiche complete saranno ospitate su www.TopUniversities.com da 00:01 CET, mercoledì 27 febbraio.

 

QS University Rankings
QS Quacquarelli Symonds ha compilato le classifiche universitarie dal 2004, anno in cui hanno pubblicato le loro graduatorie annuali della World University. Da allora, le classifiche di QS sono diventate la fonte più popolare al mondo di dati comparativi sulle performance universitarie. Le loro classifiche per disciplina, sono state visitate oltre 43 milioni di volte nel 2018.

Il progetto si è ampliato per includere: 5 classifiche regionali, la classifica QS Best Student Cities, classifiche per area tematica, la classifica della forza del sistema di istruzione superiore QS e, più recentemente, la graduatoria di occupabilità dei laureati. La ricerca di QS è stata descritta dai media in tutto il mondo, con oltre 46.000 di media clips tracciate nel 2018.

Visita il ranking completo su: https://www.topuniversities.com/subject-rankings/

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *