Università

Come diventare assistente di un professore universitario

12 dicembre 2018

Se stai pensando di intraprendere una carriera universitaria e vorresti diventare un professore, per avere un’aula piena e tanti studenti pronti ad ascoltarti, devi iniziare facendo l’assistente.

Cosa vuol dire fare l’assistente universitario?

L’assistente universitario è un ragazzo pieno di sogni e speranze, che viene sfruttato dai docenti presenziando alle lezioni e svolgendo compiti infami e noiosi. A parte gli scherzi, fare l’assistente vuol dire affiancare un professore universitario nelle sue attività didattiche, lezioni, esami, corsi, ma anche attività di ricerca e laboratori. Vuol dire fare ricevimento al suo posto quando lui non c’è, vuol dire condurre gli appelli e interrogare gli studenti, vuol dire lavorare sodo per dimostrare quanto vi interessa quello che state studiando. Le mansioni sono molto più limitate rispetto a quelle di un docente, ovviamente.

A cosa serve?

È un ottimo modo per fare un po’ di pratica e immergersi nell’ambiente accademico, dall’altra parte della cattedra. Seguire un professore esperto permette di imparare molto su insegnamento e modalità didattiche, inoltre è lo step obbligatorio per essere poi considerati possibili candidati per un posto da insegnante.

L’università funziona un po’ così, per merito e conoscenze. Essere l’assistente di un professore è come mandare un messaggio a tutti dicendo: “ guardami, il prof mi ha scelto: sono un genio”.

Quali sono i requisiti per diventare un assistente universitario?

Requisito 1: 30 e lode in tutti gli esami, occhiali e capacità di fingere interessamento per qualunque cosa

Requisito 2: avere una laurea

Requisito 3: avere una grande passione per la materia scelta

Generalmente per poter accedere alla carriera da assistente universitario bisogna intraprendere la strada del dottorato o dei concorsi, ma non è detto che se siete particolarmente bravi e interessati alla materia, non sia il docente stesso a chiedervi di fargli da assistente.

Come si diventa assistente universitario?

Ecco quali sono, concretamente, le strade che si possono seguire per diventare assistente:

Percorso 1: il più diretto. Si può conseguire un dottorato di ricerca post laurea; si tratta di un percorso di 3 anni durante il quale si studia e si approfondisce il più possibile una materia inerente al proprio corso di studi, con l’obiettivo di sostenere un concorso da ricercatore.

Percorso 2: ottenere la borsa di ricerca, il che è piuttosto difficile. In pratica dovete esporre il vostro progetto di ricerca ed essere considerati così bravi da meritarvi una borsa di studio che vi permetta di studiare nell’istituto che avete scelto.

E’ necessario dire, purtroppo, che sia le domande di dottorato che quelle delle borse di ricerca sono molte, ed è veramente difficile essere presi. E’ richiesta l’eccellenza e anche una discreta disponibilità finanziaria nel primo caso.

Non perderti d’animo, studia con passione e dimostra di amare quello che fai, di essere coinvolto e di tenerci davvero, i professori sanno riconoscere impegno e determinazione e magari verranno loro da te, potresti rimanerne sorpreso!

1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *